AAS –  Astronomical Association of Susa, Italy: since 1973 continously performes astronomical research,
publishes Susa Valley (Turin area) local ephemerides and organizes star parties and public conferences.
Banner
Home Pubblicazioni
Pubblicazioni
Up

Nova 2015

SUPERNOVA REFSDAL: COLTA IN FLAGRANTE

Abbiamo parlato della supernova Refsdal nella Nova n. 788 del 5 marzo 2015. La storia di Refsdal inizia nel novembre 2014, quando gli scienziati avvistano quattro immagini separate di supernova in una disposizione rara conosciuta come “Croce di Einstein” intorno ad un ammasso di galassie denominate MACS J1149.5 + 2223
 

LANCIO E RIENTRO DEL PRIMO STADIO DI FALCON 9

"Un impressionante successo tecnologico": così è stato definito da Wayne Hale, ingegnere NASA, già flight director e space shuttle program manager, il lancio del razzo Falcon 9 della società privata SpaceX con il recupero, mediante atterraggio, del suo primo stadio
 

QUADRANTIDI 2016
Le Quadrantidi sono il primo sciame meteorico dell’anno. È uno dei più importanti e cospicui come numero di meteore, tuttavia è anche uno dei meno conosciuti e “sfuggevoli”: le previsioni sull’osservabilità di queste meteore sono sempre molto incerte.
 

OCCULTAZIONE LUNARE DI ALDEBARAN
DEL 23 DICEMBRE 2015

Dopo quella del 29 ottobre 2015 (v. Nova n. 908 del 25 ottobre 2015 e Circolare interna n. 183 del novembre 2015, p. 10) ci sarà una nuova occultazione di Aldebaran il 23 dicembre, quando la Luna, quasi piena, transiterà di nuovo nell’ammasso aperto delle Iadi.
 

INAF e SAIt CONTRO L’INQUINAMENTO LUMINOSO
Si tratta di una delle forme di inquinamento più pervasivo: oltre il 60% della popolazione mondiale vive sotto cieli illuminati da una luce sprecata e nelle zone urbane delle nostre città sfiora il 100%. Risparmiando sulla luce si potrebbero costruire asili, scuole, biblioteche, musei, mezzi di trasporto, assistenza sociale e sanitaria.
 

LISA, VIRGO O LIGO:
CHI VINCERÀ LA CORSA ALLE ONDE GRAVITAZIONALI?

Riprendiamo dal sito internet de LA STAMPA del 14 dicembre 2015 un articolo di Piero Bianucci.
La sonda spaziale “LISA Pathfinder” è in viaggio verso il punto di Lagrange L1, che raggiungerà a metà febbraio 2016. Lì, a un milione e mezzo di chilometri dalla Terra in direzione del Sole, metterà alla prova una nuova tecnologia escogitata per captare le onde gravitazionali

 

”CIELI D’INVERNO”
SUSA (TO), SPE.S. - SPECOLA SEGUSINA

Castello della Contessa Adelaide - Via Impero Romano, 2
MARTEDI’ 29 DICEMBRE 2015, ORE 21:00

L’Associazione Astrofili Segusini organizza – con il Patrocinio della Città di Susa – una serata osservativa dedicata al cielo invernale presso SPE.S. - Specola Segusina, al Castello della Contessa Adelaide in Susa, la sera di martedì 29 dicembre 2015, dalle ore 21:00..

AKATSUKI IN ORBITA INTORNO A VENERE
Il 20 maggio 2010 era stata lanciata, dal Tanegashima Space Center, la sonda spaziale giapponese Planet-C (Venus Climate Orbiter, VCO), rinominata dopo il lancio, secondo la tradizione nipponica, Akatsuki che significa "alba" (letteralmente "luna rossa").
 

TAYNA
Con il nome Tayna – che significa "primogenita" in Aymara, una lingua parlata nelle regioni andine e nell’altipiano del Sud America – è stata denominata una piccola e lontanissima galassia scoperta dai telescopi spaziali Hubble e Spitzer, grazie al fenomeno della “lente gravitazionale” suggerito da Albert Einstein.
 

AI MARGINI DI SPUTNIK PLANUM
Ieri la NASA ha rilasciato altre immagini di Plutone, ad alta risoluzione, riprese e memorizzate dalla sonda New Horizons durante il passaggio ravvicinato del 14 luglio scorso e gradualmente inviate a Terra. Quelle che presentiamo sono state riprese solo 15 minuti prima del massimo avvicinamento
 

GEMINIDI 2015
Secondo molti lo sciame meteorico delle Geminidi è il più spettacolare dell’anno, superiore persino alle Perseidi d’agosto; l’unico handicap è il periodo in cui si manifestano: sono attive dal 4 al 17-18 dicembre e le fredde notti di questo periodo non invogliano all’osservazione.
 

LANCIATA LA SONDA LISA PATHFINDER
Stamattina alle 5:04 CET (22:04 ora della costa est americana, in data locale 2 dicembre) è stata lanciata la sonda LISA Pathfinder, precursore della costellazione eLISA (evolved Laser Interferometer Space Antenna, il primo osservatorio spaziale di onde gravitazionali), dell’Agenzia Spaziale Europea
 

DA VENT’ANNI SOHO OSSERVA IL SOLE
SOHO (Solar and Heliospheric Observatory), progetto ESA e NASA per lo studio del Sole dal suo nucleo profondo fino alla corona esterna e al vento solare, è stato lanciato il 2 dicembre 1995.
 

VISIBILITÀ SERALE DELLA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE
Per gran parte del mese di dicembre la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) sarà di nuovo osservabile alla sera. Le previsioni dei passaggi visibili dalla Vale di Susa (Caposaldo AAS), con le cartine per l’identificazione della traiettoria seguita da ISS sulla volta celeste
 

CINQUANT’ANNI DAL PRIMO SATELLITE FRANCESE
Cinquant’anni fa, il 26 novembre 1965, alle ore 15:47:21 CET la Francia metteva in orbita un suo satellite con un proprio lanciatore, a propellente liquido, contendendo all’Italia, la terza posizione nella «gara spaziale» dopo Unione Sovietica e Stati Uniti
 

A CENTO ANNI DALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ GENERALE
Il 25 novembre 1915, esattamente cento anni fa, Albert Einstein presentò la Teoria della Relatività Generale all’Accademia Prussiana delle Scienze, pochi mesi prima della sua pubblicazione – il 20 marzo 1916 – sulla rivista Annalen der Physik, in un articolo intitolato “Die Grundlage der allgemeinen Relativitätstheorie (La base della Teoria della Relatività generale)”.
 

ATTUALITÀ DALLA SONDA ROSETTA
È trascorso un anno dall’atterraggio del lander Philae sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e sono moltissimi i dati raccolti e inviati a Terra dalla sonda Rosetta in orbita intorno alla cometa.
 

17 ANNI FA IL LANCIO DEL PRIMO MODULO
DELLA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE

Compie oggi diciassette anni la Stazione Spaziale Internazionale, il laboratorio di ricerca scientifica avamposto umano nello Spazio. Dal lancio del primo modulo “Zarja”, in russo, “alba”, dal Kazakistan, il laboratorio orbitante ha fatto molta strada.
 

LEONIDI 2015
La cometa 55P/Tempel-Tuttle è la progenitrice dello storico sciame meteorico delle Leonidi. Nei primi anni successivi al suo ultimo passaggio, avvenuto nel 1998, abbiamo assistito a spettacolari piogge di meteore con migliaia di scie all’ora
 

V774104, NUOVO PIANETA NANO
V774104 è uno degli oggetti transnettuniani più distanti mai rilevati. Si trova a circa 15.4 miliardi di kilometri dal Sole (103 UA), 2-3 volte più lontano di Plutone.
 

WT1190F
Un oggetto sconosciuto, denominato "WT1190F", verosimilmente un pezzo di “spazzatura spaziale”, colpirà la Terra venerdì 13 novembre 2015 alle 06:20 GMT (07:20 CET, 11:50, ora locale), bruciando nell'atmosfera, anche se alcuni detriti potranno cadere nell’Oceano Indiano a circa 100 km al largo della costa meridionale dello Sri Lanka.
 

COMETA CATALINA (C/2013 US10)
Scoperta il 31 ottobre 2013, quando era di 19a magnitudine, con un telescopio da 68 cm del Catalina Sky Survey (CSS) in Arizona, un progetto alla ricerca di asteroidi potenzialmente pericolosi per la Terra (NEO, Near Earth Object). All’inizio catalogata come asteroide...
 

HARLOW SHAPLEY
Il 2 novembre 1885, 130 anni fa, nasceva Harlow Shapley, l’astronomo statunitense che dimostrò per primo che il Sole occupa un posto periferico nella nostra galassia. Identificò la posizione del centro galattico studiando, con il telescopio di 60 pollici di Mount Wilson in California
 

LA LUNA KERBEROS RIPRESA DA NEW HORIZONS
Con le immagine di Kerberos, piccola luna di Plutone, riprese il 14 luglio scorso, circa 7 ore prima del flyby col pianeta nano, e trasmesse a Terra la scorsa settimana, si completa il “ritratto di famiglia” delle lune di Plutone.
 

OCCULTAZIONE LUNARE DI ALDEBARAN
Il 29 ottobre 2015 la Luna, quasi piena (93%), transiterà nell’ammasso aperto delle Iadi. Durante il suo transito occulterà numerose stelle piuttosto luminose. Tra queste la più luminosa sarà Aldebaran, α della costellazione del Toro.
 

LA COMPOSIZIONE CHIMICA DELLO SPAZIO
Osservazioni di ammassi di galassie in banda X [con il satellite giapponese Suzaku] hanno permesso di ottenere misure accurate dell’abbondanza degli elementi chimici pesanti che vengono diffusi nello spazio dalle esplosioni stellari. I risultati di questo studio, pubblicato su ApJ Letters, suggeriscono che l’Universo
 

STUDI SUL VENTO INTERSTELLARE
Un team di scienziati ha presentato i risultati di sei anni di osservazioni dirette effettuate da Interstellar Boundary Explorer (IBEX), la missione della NASA dedicata allo studio del vento interstellare.
 

SCIAME DELLE ORIONIDI
E ALLINEAMENTO VENERE-GIOVE-MARTE

La cometa di Halley è sicuramente la più conosciuta e studiata tra le comete periodiche, quel tipo cioè di comete con periodo orbitale inferiore ai 150 anni che periodicamente tornano a farci visita disseminando lo spazio di polveri e detriti...
 

POLO NORD DI ENCELADO

Il 14 ottobre 2015 la sonda Cassini (NASA, ESA e ASI) – dal 2004 in orbita intorno a Saturno – ha sorvolato, ad una distanza di 1.839 kilometri, il polo nord di Encelado, luna di Saturo, riprendendo immagini ad alta risoluzione che mostrano un paesaggio con forti contrasti.
 

SU SCIENCE TUTTA LA GEODIVERSITÀ DI PLUTONE
Dopo le foto, le cifre. Dopo il fascino, la scienza. I risultati preliminari dell’analisi dei circa 50 gigabit di dati raccolti dalla sonda NASA New Horizons durante la fase di maggior avvicinamento a Plutone – il flyby del 14 luglio scorso, a 13.691 km dal centro del pianeta – sono stati pubblicati oggi su Science
 

STYX OSSERVATA DA NEW HORIZONS
Anche la più piccola e pallida tra le cinque lune di Plutone, Styx, è stata ripresa dal Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) il 13 luglio scorso, circa 12.5 ore prima dell’avvicinamento di New Horizons a Plutone. L’immagine è stata trasmessa a Terra il 5 ottobre 2015.
 

PLUTONE: CIELO BLU E GHIACCIO ROSSO
Le prime immagini a colori di nebbie atmosferiche di Plutone, riprese il 14 luglio scorso e trasmesse a Terra la scorsa settimana da New Horizons, rivelano che le nebbie sono blu. "Chi si sarebbe aspettato un cielo blu nella Fascia di Kuiper? È bellissimo"
 

NIX E HYDRA, PICCOLE LUNE DI PLUTONE,
RIPRESE DA NEW HORIZONS

Plutone e la sua luna più grande, Caronte [v. Circolare interna n. 35, marzo-aprile 1979, p. 1, e Nova n. 894 del 2 ottobre 2015], orbitano entrambe intorno al loro comune centro di massa, che si trova in uno spazio vuoto tra loro. Intorno vi sono quattro piccole lune. In ordine crescente di distanza i loro nomi sono Styx (appena oltre Caronte), Nix, Kerberos e Hydra.
 

INCRESPATURE MISTERIOSE SI RINCORRONO
IN UN DISCO DI FORMAZIONE PLANETARIA

Riprendiamo dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) il Comunicato stampa del 7 ottobre 2015.

A 20 ANNI DALLA SCOPERTA DI 51 Pegasi b
Già dal 1992 erano noti pianeti extrasolari, scoperti intorno a una pulsar (una stella alla fine della propria esistenza), ma esattamente vent’anni fa, il 6 ottobre 1995, a Firenze, in un congresso internazionale, Michel Mayor e Didier Queloz annunciarono la scoperta di 51 Pegasi b
 

URANO IN OPPOSIZIONE
Urano sarà in opposizione il 12 ottobre, alle 3 TU, e sarà visibile, con un binocolo, tutto il mese per tutta la notte nella costellazione dei Pesci
 

STAGIONI SULLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO
Fin dal suo arrivo presso la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko la sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha studiato costantemente la superficie e l’ambiente cometario. Ma per
 

DRACONIDI 2015
Le Draconidi sono uno sciame meteorico poco conosciuto, noto anche come Giacobinidi dal nome della cometa periodica che le genera, la 21P/ Giacobini-Zinner, con un periodo orbitale di 6,6 anni, scoperta da Michel Giacobini nel 1900, e riscoperta da Ernst Zinner due passaggi dopo nel 1913.
 

CARONTE VISTO DA NEW HORIZONS
La sonda New Horizons dista attualmente 33.48 UA (circa 5 miliardi di kilometri) dalla Terra, e 95 milioni di kilometri da Plutone, ma continua a inviarci le immagini ad alta definizione riprese durante il flyby di Plutone del 14 luglio scorso


 

COMUNICATO NASA SU MARTE
Il 28 settembre alle 17 CET (8 PST a Pasadena, sede del centro NASA JPL) si è tenuta un’attesa conferenza stampa a proposito della presenza temporanea di acqua su Marte; i manager NASA e i ricercatori hanno usato distinguo e molte cautele per smorzare le pressanti aspettative dei Media intervenuti.
 

COLLISIONE TRA DUE COMETE
PER LA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

Un recente studio, pubblicato sulla rivista Nature e presentati al Congresso Europeo di Scienza Planetaria in corso a Nantes, in Francia, spiega la forma a doppio lobo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, studiata in questi mesi dalla sonda Rosetta (v. Nova n. 671 del 18 luglio 2014).
 

LUNAR RECONNAISSANCE ORBITER IN ATTESA DELL’ECLISSE
La notte tra il 27 e il 28 settembre 2015, durante l’eclisse lunare (v. Nova n. 884 del 15 settembre 2015) il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) attenderà che la Terra oscuri il Sole. Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt (Maryland) ha già gestito in precedenza LRO in modo sicuro durante tre eclissi lunari.
 

VESTA IN OPPOSIZIONE
L’asteroide 4 Vesta – scoperto il 29 marzo 1807 da Heinrich Wilhelm Olbers e fotografato nel 2011-12 dalla sonda Dawn – sarà in opposizione il 29 settembre 2015, a 1.4 UA dalla Terra, con magnitudine 6.2, ben osservabile con un binocolo.
 

IMMAGINE “A PELLE DI SERPENTE”
DELLA SUPERFICIE DI PLUTONE

Una nuova immagine ad alta risoluzione di Plutone, inviata recentemente a Terra dalla sonda New Horizons e ripresa durante il flyby del 14 luglio scorso, mostra una regione montuosa, estesa 530 kilometri, informalmente chiamata Tartarus Dorsa
 

ROSETTA RIVELA CICLO DI GHIACCIO D'ACQUA
SULLA COMETA 67P/CHURYUMOV–GERASIMENKO

Queste mappe sono basate su immagini e spettri raccolti dallo strumento VIRTIS (Visible InfraRed and Thermal Imaging Spectrometer) della sonda Rosetta nel settembre 2014
 

QUELLA RARA FUSIONE DI BUCHI NERI
Le coppie di buchi neri supermassicci all’interno delle galassie di grande massa sembrano essere più rare di quanto si pensasse fino ad ora. Uno studio condotto analizzando 100 galassie nelle onde radio ha svelato un tasso di fusioni pari a un quinto delle stime precedenti.

Riportiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 22 settembre 2015 un articolo di Elisa Nichelli.
 

MONTAGNE DI PLUTONE
Appena 15 minuti dopo il flyby con Plutone del 14 luglio scorso la sonda New Horizons ha ripreso questa immagine, quasi al tramonto: sul bordo della pianura ghiacciata denominata informalmente Sputnik Planum (a destra) vi sono aspre montagne alte fino a 3.500 metri
 

3000 COMETE SCOPERTE DA SOHO
Il 13 settembre 2015 il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), progetto congiunto ESA e NASA, ha scoperto la sua cometa numero 3000, consolidando la sua posizione come il più grande cercatore di comete di tutti i tempi.
 

28 SETTEMBRE 2015: ECLISSE TOTALE DI LUNA
Il 28 settembre un’eclisse totale di Luna sarà visibile in Europa e anche in parte dell’Asia, in Africa, nell’Oceano Atlantico e in America. Dall’Italia le ultime fasi dell’eclisse saranno disturbate dalle luci dell’alba e la Luna tramonterà prima dell’uscita dalla penombra.
 

A CENTOCINQUANT’ANNI
DAL ROMANZO «DALLA TERRA ALLA LUNA» DI JULES VERNE

Centocinquant'anni fa, dal 14 settembre al 14 ottobre 1865, veniva pubblicato, a puntate, sul quotidiano francese Journal des débats politiques et littéraires il romanzo di Jules Verne (1828-1905) «De la Terre à la Lune, trajet direct en 97 heures 20 minutes», che lo stesso anno uscirà come libro edito da Hetzel.
 

ECLISSE PARZIALE DI SOLE
Il 13 settembre 2015 un’eclisse parziale di Sole è visibile dall’Africa del sud, dall’Oceano Indiano meridionale e dall’Antartide. La magnitudine dell’eclisse è 0.788. Questi i tempi dei contatti
 

GRAIL FA LUCE SUL PASSATO DELLA LUNA
Riprendiamo da MEDIA INAF dell’11 settembre 2015, con autorizzazione, un articolo di Elisa Nichelli.”Uno studio recente ha analizzato i dati raccolti dalla missione GRAIL (Gravity Recovery and Interior Laboratory) rivelando le cicatrici lasciate dal bombardamento di piccoli asteroidi
 

PLUTONE: NUOVE IMMAGINI DA NEW HORIZONS

Nuove immagini ravvicinate di Plutone, ottenute durante il flyby del 14 luglio scorso e recentemente trasmesse a Terra dalla navicella spaziale New Horizons
 

NUOVA STIMA DEL NUMERO DELLE PRIME GALASSIE
Riprendiamo da MEDIA INAF del 9 settembre 2015, con autorizzazione, un articolo di Marco Galliani su un nuovo metodo statistico di analisi delle riprese infrarosse realizzate da Hubble: mostra che, quasi 13 miliardi di anni fa, c'erano molte più galassie di quanto si pensasse finora.
 

LA GALASSIA PIÙ LONTANA MAI OSSERVATA
Riprendiamo da MEDIA INAF del 7 settembre 2015, con autorizzazione, un articolo di Elisa Nichelli: “Grazie alle osservazioni dei telescopi spaziali Hubble e Spitzer e analisi spettrali successive condotte all’osservatorio WM Keck delle Hawaii un team di scienziati del Caltech ha scoperto la galassia più lontana mai osservata: EGS8p7
 

WARREN DE LA RUE
Duecento anni fa, nel 1815, a Guernsey, isola nel Canale della Manica, nasceva Warren De La Rue, astronomo e chimico inglese, pioniere della fotografia astronomica
 

INTERNATIONAL OBSERVE THE MOON NIGHT 2015
RIFUGIO LA CHARDOUSË - BORGATA VAZON - OULX (TO)
19 SETTEMBRE 2015 - ORE 21:30

Anche quest’anno la nostra Associazione aderisce all’iniziativa internazionale “Moon Watch Party”, proposta per la sesta volta dall’INTERNATIONAL OBSERVE THE MOON NIGHT (InOMN): dedicare una serata all’osservazione della Luna.
 

LANCIATA LA SOYUZ TMA-18M VERSO LA ISS

Sergey Volkov di Roscosmos, Andreas Mogensen di ESA (European Space Agency) e Aidyn Aimbetov di Kazakh Space Agency sono stati lanciati stamane, alle 06:37 CEST (04:37 GMT) a bordo della Soyuz TMA-18M dal Cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan
 

NETTUNO IN OPPOSIZIONE
Il 1° settembre 2015 alle ore 02:00 TU il pianeta Nettuno, di magnitudine 7.6, è in opposizione al Sole, nella costellazione dell’Aquario, circa a metà della linea che unisce le stelle Lambda e Sigma Aquarii. È osservabile tutta la notte con un binocolo o un piccolo telescopio.
 

POSSIBILE PROSSIMO OBIETTIVO PER NEW HORIZONS
La NASA ha scelto la potenziale prossima destinazione per la missione New Horizons dopo lo storico flyby di Plutone il 14 luglio scorso: è un piccolo oggetto della Cintura di Kuiper (KBO, Kuiper Belt Object), noto come 2014 MU69, che orbita quasi un miliardo di miglia al di là di Plutone
 

MONTAGNA SOLITARIA SU CERERE
La sonda Dawn è stata la prima a visitare un pianeta nano e la prima in orbita intorno a due obiettivi distinti nel sistema solare: ha orbitato infatti intorno a Vesta per 14 mesi nel 2011-12 ed è arrivata intorno a Cerere il 6 marzo 2015.
 

OSIRIS-REX
È l’asteroide Bennu l’obiettivo della missione della NASA OSIRIS-REx (la missione è coordinata dall’Università dell’Arizona) il cui lancio è previsto nell’autunno del 2016. Dopo due anni di viaggio arriverà sull’asteroide dal quale estrarrà campioni di materiale primitivo e li riporterà sulla Terra...
 

GIACOMO FILIPPO MARALDI

Nel 1665, 350 anni fa, a Perinaldo (Imperia) nasceva Giacomo Filippo Maraldi, astronomo. Sulla precisa data di nascita esistono fonti discordanti1 che indicano il 21 aprile, il 21 agosto e il 1° settembre dello stesso anno come possibili giorni della nascita. In realtà, le fonti più accreditate propendono per il 21 agosto.
 

MODELLO MATEMATICO PER GLI ANELLI DI SATURNO
Un recente studio dell’Università di Leicester suggerisce un modello matematico nella distribuzione dei frammenti che compongono gli anelli di Saturno, degli altri grandi pianeti e anche dei grandi asteroidi. Sull’argomento riportiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 6 agosto scorso un articolo di Davide Coero Borga.
 

IPOTESI SULLA GENESI DEL NOSTRO SISTEMA PLANETARIO
Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 19 agosto 2015 un articolo di Corrado Ruscica su uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal.
 

COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO (E ROSETTA) AL PERIELIO
Il 13 agosto 2015, alle 02:03 GMT (le 04:03 CEST), la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, insieme alla sonda Rosetta che le orbita attorno, è passata al perielio a 186 milioni di kilometri dal Sole.
 

L'UNIVERSO STA MORENDO LENTAMENTE
Riprendiamo dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) il Comunicato stampa del 10 agosto 2015, sui primi dati della Survey GAMA (Galaxy And Mass Assembly), presentati all'Assemblea Generale dell'IAU in corso in questi giorni a Honolulu.
 

STUDI SUI PRIMI GIORNI DI PHILAE SULLA COMETA
La rivista Science del 31 luglio 2015 (vol. 349, n. 6247) ha pubblicato uno speciale dedicato ai risultati ottenuti dal lander Philae della sonda Rosetta tra il 12 e il 15 novembre dello scorso anno. Si tratta di sette articoli e un’introduzione
 

PERSEIDI 2015
Con il mese di agosto arrivano le Perseidi, le “stelle cadenti”, conosciute popolarmente come “Lacrime di S.Lorenzo”. Le meteore sono generate dalle polveri e dai detriti rilasciati dalla cometa periodica 109P/Swift-Tuttle nel corso delle sue orbite attorno al Sole
 

PIANURA GHIACCIATA SU PLUTONE
Scrutando attentamente la regione a forma di cuore, che informalmente è stata chiamata "Tombaugh Regio", lo spettrometro Ralph di New Horizons ha evidenziato ghiaccio di monossido di carbonio. I dati sono stati acquisiti dalla sonda il 14 luglio e trasmessi a Terra il 16.

A QUARANT’ANNI DALLA MISSIONE APOLLO-SOYUZ

Quarant’anni fa, il 17 luglio 1975, avvenne la missione congiunta Apollo-Soyuz (ASTP: Apollo Soyuz Test Project) con l’incontro in orbita terrestre di tre astronauti degli Stati Uniti (Thomas P. Stafford, Vance D. Brand e Donald K. Slayton) e due cosmonauti sovietici (Alexey A. Leonov e Valery N. Kubasov)....

MONTI GHIACCIATI SU PLUTONE
Ieri la NASA ha reso nota un’immagine ravvicinata di Plutone ripresa il 14 luglio durante il flyby. Un dettaglio della regione equatoriale mostra una catena montuosa con cime alte 3.500 metri sopra la superficie ghiacciata.
 

NEW HORIZONS HA SORVOLATO PLUTONE
Dopo un viaggio di quasi dieci anni New Horizons ha sorvolato Plutone ieri, 14 luglio 2015, alle 11:49 GMT (le 13:49 CEST) a soli 12.500 km di distanza dalla sua superficie.
 

14 LUGLIO 2015: FLYBY DI NEW HORIZONS CON PLUTONE

L’immagine mostra, da destra verso sinistra, le varie fasi del flyby della sonda New Horizons col sistema di Plutone il 14 luglio 2015, tra le 11 e le 15 GMT, dopo un viaggio di 9 anni e mezzo.
 

NEW HORIZONS VERSO PLUTONE: AGGIORNAMENTI
Il team della missione New Horizons ha risolto l’anomalia che aveva posto la navicella in “modalità provvisoria” dal 4 al 7 luglio. È stato confermato che la causa è stata il sovraccarico del computer principale per un conflitto di temporizzazione nella sequenza di comandi del veicolo spaziale.
 

UNA SURVEY ENORME FARÀ LUCE SULLA MATERIA OSCURA
Riprendiamo dal sito ESO (European Southern Observatory) il Comunicato stampa del 9 luglio 2015 sui primi risultati dalla survey KiDS del VST (VLT Survey Telescope).
 

INCONTRO RAVVICINATO TRA PULSAR E GIGANTE BLU
Una pulsar sta avvicinandosi alla compagna, una stella gigante che possiede un esteso disco di gas e polveri. Disco che tra meno di tre anni attraverserà. Gli astronomi di tutto il mondo stanno preparando all'evento, per indagare in dettaglio le proprietà dei due oggetti celesti. Il commento di Patrizia Caraveo (INAF)

Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 3 luglio 2015 un articolo di Marco Galliani.
 

NEW HORIZONS: “ALL CLEAR”, VIA LIBERA VERSO PLUTONE!
Dopo sette settimane di ricerche dettagliate per trovare nubi di polvere, anelli e altri potenziali rischi, la NASA ha dato il “via libera (all clear)” a New Horizons: nessun’altra correzione di rotta dopo quella breve del 28 giugno scorso
 

1935, OTTANTA ANNI FA: CINQUE ECLISSI SOLARI IN UN ANNO
Ogni anno, al massimo, possono verificarsi cinque eclissi di Sole, ma non è una cosa frequente: dal 1500 al 2500, secondo il Six Millennium Catalog of Solar Eclipses di Fred Espenak (http://eclipsewise.com/) è avvenuto nel 1805, nel 1935 e avverrà nel 2206.
 

FALLIMENTO DEL LANCIO SPACEX CRS-7
Ieri alle 16:23:20 CET il razzo SpaceX/Falcon 9 che stava lanciando la capsula Dragon verso ISS è esploso durante la salita in orbita, nella fase della prevista separazione del primo stadio e l’accensione del secondo.

NEW HORIZONS VERSO IL FLYBY CON PLUTONE

Il sito www.space.com ha pubblicato questa interessante cartina che mostra, proiettato sullo sfondo del cielo nel nord-est della costellazione del Sagittario, ad altissimo ingrandimento, l’avvicinamento della sonda spaziale New Horizons a Plutone nei giorni dal 25 giugno al 2 luglio c.a.:
 

GHIACCIO SULLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO
Un nuovo studio appena pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics analizza le zone luminose di ghiaccio osservate dalla sonda Rosetta sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.
 

POSSIBILE ORIGINE DEI LAGHI DI TITANO
Oltre alla Terra, Titano è l’unico corpo nel Sistema solare a possedere laghi e mari in superficie, come ha evidenziato la sonda Cassini in questi anni, ma a circa –180°C, la superficie di Titano è molto fredda e, invece dell’acqua, abbiamo un ciclo 'idrologico' di metano liquido ed etano.
 

CERERE VISTO DA DAWN
Crateri, rilievi montuosi, strane macchie luminose. Questo è Cerere ed è questo che sta studiando la sonda della NASA, la prima ad aver osservato da molto vicino un pianeta nano, nonché il primo oggetto costruito dall'uomo ad aver osservato in maniera continuativa due oggetti distinti del Sistema solare.
Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 22 giugno 2015 un articolo di Eleonora Ferroni.

GIOVANI QUASAR

Gli astronomi hanno utilizzato la visione a infrarossi del telescopio spaziale Hubble per scoprire i misteriosi primi anni di evoluzione dei quasar, gli oggetti più luminosi dell'universo. Le immagini nitide di Hubble svelano collisioni caotiche di galassie con supermassicci buchi neri al centro che alimentano i quasar.
 

ASTEROID DAY
SPE.S - SPECOLA SEGUSINA
SUSA, CASTELLO DELLA CONTESSA ADELAIDE
MARTEDÌ 30 GIUGNO 2015, ORE 21:30

L’AAS aderisce all’Asteroid Day, giornata internazionale di sensibilizzazione sui problemi legati agli impatti asteroidali.
 

CONGIUNZIONE VENERE-GIOVE
Nella seconda metà del mese di giugno la separazione tra Venere e Giove si ridurrà progressivamente fino ad una congiunzione stretta che si verificherà il 30 giugno e sarà osservabile subito dopo il tramonto del Sole.
 

GIGANTESCO ANELLO INTORNO A SATURNO: NUOVI DATI
Il telescopio spaziale Spitzer della NASA ha scoperto, nel 2009, un enorme anello intorno a Saturno, di gran lunga il più grande dei molti anelli del pianeta, ad una distanza dal pianeta tra i 128 e i 207 raggi di Saturno
 

RIPRESI I CONTATTI CON PHILAE
L’ESA (European Space Agency) comunica oggi che il lander di Rosetta, Philae, si è svegliato dopo sette mesi di ibernazione sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.
 

ATTERRATA LA SOYUZ TMA-15M
CON SAMANTHA CRISTOFORETTI E COLLEGHI

Oggi, alle 15:44 CEST è atterrata in Kazakhstan, a sudest di Dzhezkazgan, la Soyuz TMA-15M con a bordo gli astronauti Terry Virts (NASA), Anton Shkaplerov (Roscosmos) e Samantha Cristoforetti (ESA, European Space Agency).
 

“OCCHI SU SATURNO”
SABATO 20 GIUGNO 2015
CHIUSA DI SAN MICHELE – PLANETARIO, ORE 17:30
SUSA – SPECOLA SEGUSINA, CASTELLO DELLA CONTESSA ADELAIDE, ORE 21:30

La nostra Associazione aderisce anche quest’anno, per la quarta volta, all’iniziativa nazionale “Occhi su Saturno”, proposta per la prima volta nel 2012 nel 300° anniversario della morte dell’astronomo Gian Domenico Cassini (Perinaldo, 8 giugno 1625 - Parigi, 14 settembre 1712).
 

ISS: SOYUZ TMA-15M PRONTA PER IL RITORNO

Dall'attracco con la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) il 24 novembre 2014, la Soyuz TMA-15M ha atteso il suo volo di ritorno a Terra. Giovedì gli astronauti Samantha Cristoforetti, Terry Virts e Anton Shkaplerov, come comandante, entreranno nella navicella e chiuderanno il portello dopo 200 giorni trascorsi nello spazio (v. Nova n. 840 del 6 giugno 2015)....


 

ISS: GIOVEDÌ 11 GIUGNO RIENTRO PREVISTO
PER CRISTOFORETTI, VIRTS E SHKAPLEROV

Dopo più di sei mesi di ricerche scientifiche e tecnologiche nello spazio, tre membri dell'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), Terry Virts, Anton Shkaplerov e Samantha Cristoforetti, lasceranno il laboratorio orbitante giovedì 11 giugno.
 

VORTICI LUNARI: CAUSATI DA IMPATTI DI COMETE?
Forse risolto l'enigma degli strani arabeschi di materiale chiaro presenti su alcune zone della superficie del nostro satellite naturale. A causarli sarebbero stati impatti di comete. Questi i risultati di un'indagine condotta dai ricercatori statunitensi Peter Schultz e Megan Bruck Syal.

Da MEDIA INAF del 3 giugno 2015 riprendiamo, con autorizzazione, un articolo di Marco Galliani.
 

STUDI DI ROSETTA NELL’ULTRAVIOLETTO
L’attento studio che Rosetta svolge da mesi sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko ha rivelato per la prima volta un processo che causa il rapido scioglimento delle molecole di acqua e di anidride carbonica che fuoriescono dalla superficie della cometa.
 

SPOSTAMENTO DEL MODULO ITALIANO PMM SU ISS
Nella giornata di ieri a partire dalle 12:30 GMT (14:30 CEST) il Permanent Multi-purpose Module PMM ha cambiato la sua porta di attracco su ISS da Nodo 1 a Nodo 3 tramite l’operazione del braccio robotico canadese residente sulla Stazione lungo quasi 17 m, pilotato remotamente da Houston.
 

FASCIA DI KUIPER EXTRASOLARE
Utilizzando il Gemini Planet Imager (GPI) presso il telescopio Gemini Sud in Cile, un team internazionale di astronomi, tra cui ricercatori dell'Università di Cambridge, ha identificato un anello luminoso a forma di disco di polvere attorno a una stella poco più massiccia del Sole, che si trova a 360 anni luce di distanza da noi nella costellazione del Centauro.
 

ISS IN CONDIZIONE “HIGH BETA”
Per alcuni giorni la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) – che ancora ospita la nostra astronauta Samantha Cristoforetti –, attualmente in un’orbita di 399 x 404 km (quasi circolare) percorsa in 92 minuti e inclinata di 51.6° sull’equatore terrestre, vedrà il Sole per tutto il tempo. Tecnicamente la condizione è denominata “high beta”,....
 

STELLE ANTICHISSIME
Riprendiamo da MEDIA INAF di oggi, con autorizzazione, un articolo di Marco Galliani intitolato “Un po’ di luce sull’epoca oscura”. Parla di tre stelle primordiali, di circa 13 miliardi di anni fa, e delle inattese proprietà nella loro composizione chimica.
 

LA GALASSIA PIÙ LUMINOSA NELL'UNIVERSO
Una remota galassia splendente 300 mila miliardi di volte più del nostro Sole è stata scoperta utilizzando dati dalla sonda NASA Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE). La galassia è la più luminosa trovata fino ad oggi e appartiene a una nuova classe di oggetti
 

SATURNO IN OPPOSIZIONE
Il 23 maggio, alle ore 01 TU, Saturno è in opposizione, distante da Terra 8.97 UA (1 UA, Unità Astronomica, corrisponde alla distanza media Terra-Sole, circa 150 milioni di kilometri); la luce riflessa da Saturno impiega 74.6 minuti a raggiungere i nostri occhi
 

GIORNATA MONDIALE DELLA METROLOGIA 2015
Il 20 maggio di ogni anno gli Istituti metrologici nazionali celebrano la Giornata Mondiale della Metrologia, in ricordo del 20 maggio 1875 quando a Parigi fu firmata la Convenzione del metro e l’istituzione del Bureau International des Poids et Mesures (BIPM), International Bureau of Weights and Measures. Il tema scelto quest’anno è “Measurements and Light”.
 

“PIPISTELLE”
PRESENZE NEL CIELO NOTTURNO:
ASTRI E… PIPISTRELLI

AVIGLIANA
DOMENICA 24 MAGGIO 2015 - ORE 20:30 “FESTA DEI PARCHI”
Serata dedicata a conoscenza e osservazione di astri e pipistrelli c/o C.R.A.S. “Centro Recupero Animali Selvatici” - Via Galinier, 36

 

MAGNETAR SGR 1745-2900
Da MEDIA INAF del 14 maggio 2015 riprendiamo, con autorizzazione, un articolo di Marco Galliani. ”Uno studio a guida italiana e con nutrita partecipazione di ricercatori dell'INAF rivela le inattese proprietà di una stella di neutroni super magnetica, scoperta alcuni anni fa in vicinanza del buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea”
 

L'ECO DEL BIG BANG:
A 50 ANNI DALLA PRIMA COMUNICAZIONE UFFICIALE
SULLA SCOPERTA DELLA RADIAZIONE COSMICA DI FONDO

Nel 1964 gli allora due giovani ricercatori dei Bell Telephone Laboratories (New Jersey), Arno Allan Penzias e Robert Woodrow Wilson, stavano lavorando con una grande antenna a microonde impiegata per le prime telecomunicazioni via satellite, cercando di incrementarne la sensibilità.

SLITTA IL RIENTRO DI SAMANTHA CRISTOFORETTI

E' stato rinviato il rientro a Terra dell'astronauta italiana dell'ESA, capitano dell'Aeronautica Militare, Samantha Cristoforetti e dei suoi colleghi di missione Anton Shkaplerov e Terry Virts. La nuova data per l'atterraggio, precedentemente fissato al 14 maggio, sarà definita dall'agenzia spaziale russa Roscosmos la prossima settimana.
 

ALONE INTORNO ALLA GALASSIA DI ANDROMEDA
Mediante il telescopio spaziale Hubble si è scoperto che l'immenso alone di gas che avvolge la galassia di Andromeda, a 2.5 milioni di anni luce da noi, è circa sei volte più grande e mille volte più massiccio di quanto fosse stato misurato in precedenza.
 

OSSERVAZIONE AL TELESCOPIO CLAY A LAS CAMPANAS
Il sito divulgativo APOD di oggi (http://apod.nasa.gov/apod/ap150507.html) ha riportato la notizia di una osservazione visuale e strumentale eseguita domenica 3 maggio scorso nell’osservatorio di Las Campanas in Cile con il telescopio Clay di 6.5 m di diametro, dotato di un sistema di ottiche adattive sviluppato all’osservatorio di Arcetri nel 2012.
 

GALASSIA A OLTRE 13 MILIARDI DI ANNI LUCE
Un gruppo internazionale di astronomi, guidati dai colleghi dell’Università di Yale e dell’Università della California a Santa Cruz, sono riusciti ad ottenere l’immagine di una galassia estremamente distante...
 

3 MAGGIO 1715: ECLISSE TOTALE DI SOLE
Trecento anni fa, il 3 maggio 1715, un’eclisse totale di Sole venne osservata dal Nord Europa [1]. È ricordata anche come “eclisse di Halley” perché Edmund Halley (1656-1742) aveva calcolato le circostanze di questa eclisse, individuandone il percorso sull’Inghilterra, con l’errore di 4 minuti sui tempi e di soli 30 metri sull’estensione della fascia di totalità
 

PLUTONE E CARONTE A CIRCA 100 MILIONI DI KM

L’immagine che riportiamo mostra Plutone e la sua luna maggiore, Caronte, visti dalla sonda New Horizons ed è tratta da una serie di 13 – visibili come animazione su uno dei link sotto indicati – che coprono 6.5 giorni, dal 12 al 18 aprile 2015.
 

IO E I SUOI VULCANI VISTI DA LBT
Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 30 aprile 2015, una articolo di Marco Galliani sulle osservazioni di Io, luna di Giove,effettuate in modalità interferometrica dal Large Binocular Telescope (LBT) che hanno permesso di individuarne i vulcani e anche scoprirne due nuovi.
 

TERMINA LA MISSIONE MESSENGER SU MERCURIO
Domani, 30 aprile 2015, ha termine la missione di MESSENGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry, and Ranging) – la prima sonda ad orbitare intorno al pianeta Mercurio – dopo più di quattro anni di osservazioni orbitali che hanno permesso di acquisire oltre 270.000 immagini.
 

TurkmenÄlem52E/MonacoSat: il primo satellite turkmeno in orbita
Lunedì 27 aprile, alle 19:03 (ora locale, le 01:03 CEST di stamattina) è stato lanciato da Cape Canaveral, Florida, il primo satellite di telecomunicazioni del Turkmenistan.
 

ISS, 26 APRILE 2015
Buon compleanno “spaziale”, Samantha Cristoforetti! E grazie per averci reso partecipi, in questi mesi e in molti modi, della tua missione!
 

25 ANNI DI HUBBLE SPACE TELESCOPE
Venticinque anni fa, il 24 aprile 1990, alle 12:33:51 UTC, veniva lanciato il Telescopio Spaziale Hubble (HST, Hubble Space Telescope), a bordo dello Space Shuttle Discovery (STS-31): il giorno successivo veniva messo in orbita.
 

PRIMO SPETTRO IN LUCE VISIBILE DI UN ESOPIANETA
Riprendiamo dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) il Comunicato stampa del 22 aprile 2015.
Alcuni astronomi, usando la macchina rintraccia-pianeti HARPS all'Osservatorio dell'ESO a La Silla in Cile hanno rilevato per la prima volta in modo diretto lo spettro di luce visibile riflessa da un esopianeta.
 

NUMERO SPECIALE DI SAPERE
NELL'ANNO INTERNAZIONALE DELLA LUCE

Il secondo numero del 2015 – Anno Internazionale della Luce – della Rivista bimestrale Sapere (anno 81°, n. 2, aprile 2015, Edizioni Dedalo), è interamente dedicato alla luce come “oggetto o strumento di indagine”. Sono toccati oltre trenta argomenti diversi in articoli, note, recensioni....
 

APOLLO 13: "HOUSTON, WE HAVE A PROBLEM..."
Venerdì 17 aprile 1970, 45 anni fa, si concludeva, con l’ammaraggio nell’Oceano Pacifico, l’avventura degli astronauti di Apollo 13, “un fallimento di successo”, come fu definita la missione.
 

NUCLEO NON MAGNETIZZATO
DELLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

Misurazioni fatte dalla sonda Rosetta e dal lander Philae durante gli sbarchi multipli sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko mostrano che il nucleo della cometa non ha un campo magnetico.
 

DRAGON VERSO LA ISS
È stata lanciata stasera, alle 22:10 CEST (ora estiva italiana), da Cape Canaveral Air Force Station, con un vettore Falcon 9, la navicella spaziale, senza equipaggio, Dragon (CRS-6 Mission) di SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).
 

GHIACCIO SU MARTE
Marte ha calotte polari – scoperte da Giacomo Filippo Maraldi (1665-1729), nipote di Gian Domenico Cassini, – ma ha anche cinture di ghiaccio alle sue latitudini centrali, in entrambi gli emisferi, nord e sud.

 

GIUNONE VISTO DA ALMA
Una serie di immagini riprese da ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) ha fornito una visione senza precedenti della superficie di Giunone, uno dei più grandi asteroidi della fascia principale del nostro sistema solare.
 

MOLECOLE ORGANICHE COMPLESSE
IN DISCO PROTOPLANETARIO INTORNO A GIOVANE STELLA

Riprendiamo il Comunicato stampa dell’8 aprile 2015 dell’ESO (European Southern Observatory).
Per la prima volta gli astronomi hanno scoperto la presenza di molecole organiche complesse, i mattoni della vita, in un disco protoplanetario che circonda una giovane stella.

 

LE STAGIONI DEL SOLE
La nostra stella è soggetta non solo ad un andamento ciclico undecennale, ma anche a una sorta di variabilità stagionale, assai più breve. Questa l'ipotesi avanzata da un team di ricercatori e pubblicata in un articolo sulla rivista Nature Communications. Il commento di Mauro Messerotti dell'INAF.

Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 7 aprile 2015, un articolo di Marco Galliani.
 

ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI
ISS: INVITO ALL’OSSERVAZIONE

Nelle prossime settimane avremo diverse occasioni favorevoli per osservare la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) in transito nel cielo serale. A pagina seguente riportiamo i transiti visibili dalla Valle di Susa dal 4 al 22 aprile 2015.
 

ASSEMBLEA ANNUALE ORDINARIA ELETTIVA DEI SOCI
I Soci in regola con il pagamento della quota associativa 2015 sono invitati a partecipare all’Assemblea annuale ordinaria elettiva che si terrà a Susa nei locali della sede sociale presso il Castello della Contessa Adelaide....
 

OSSERVAZIONI RADAR DA YUTU
Yutu, piccolo rover portato sulla Luna dalla sonda cinese Chang'E-3 nel dicembre 2013 (v. Nova n. 558 del 2 dicembre 2013), ha viaggiato per 114 metri a zig-zag, prima di bloccarsi per problemi meccanici. Il rover era dotato di macchine fotografiche e tre strumenti scientifici principali....
 

ISS RAGGIUNTA DA TRE NUOVI ASTRONAUTI
Tre nuovi astronauti hanno raggiunto il 28 marzo 2015, alle 03:33 GMT, la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), e due di loro la abiteranno per circa un anno.
 

IPÀZIA
Nel marzo 415 – milleseicento anni fa – moriva Ipazia, filosofa, matematica e astronoma, figlia di Teone d’Alessandria, matematico e astronomo ad Alessandria (osservò l’eclisse solare del 16 giugno 364 e quella lunare del 26 novembre).
 

“GLOBAL ASTRONOMY MONTH 2015”
SERATA OSSERVATIVA
MARTEDÌ 7 APRILE 2015, ORE 21:15
SPE.S. - SPECOLA SEGUSINA
CASTELLO DELLA CONTESSA ADELAIDE - SUSA

Anche quest’anno la nostra Associazione aderisce al progetto internazionale del “Global Astronomy Month” (GAM2015), indetto dall’Associazione Astronomers Without Borders (AWB) che ha per motto “One people, one sky” (http://www.gam-awb.org/).
 

NOVA VULPECULAE 1670:
UN INCIDENTE STELLARE PER SPIEGARE UN'ENIGMATICA ESPLOSIONE DEL SEICENTO

Dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) riprendiamo il Comunicato stampa del 23 marzo 2015.
Nuove osservazioni con APEX e altri telescopi rivelano che la stella vista comparire in cielo dagli astronomi europei nel 1670 non era una nova, ma un tipo più raro e violento di collisione stellare.

 

NOVA SAGITTARII 2015 N. 2
Scoperta domenica 15 marzo 2015 dall’astrofilo John Seach nell'isola di Chatsworth, Australia, come stella di sesta magnitudine, ha raggiunto il 22 marzo una magnitudine di 4.3, quasi due magnitudini in più rispetto al momento della scoperta una settimana prima.
 

ECLISSE DI SOLE DEL 20 MARZO 2015

ECLISSE TOTALE DI SOLE: DIRETTA DALLE SVALBARD
L’eclisse di Sole del 20 marzo, visibile in modo parziale dall’Italia, avrà il suo massimo effetto in Artico. La presenza del CNR alle Isole Svalbard, punto massimo dell'oscuramento del Sole, ci permetterà anche di seguire il fenomeno in diretta.

MINISATELLITI ESA
PER SEGUIRE L'ECLISSE SOLARE

Il minisatellite ESA (European Space Agency) PROBA-2, da un’altitudine di 820 km, potrà osservare l’eclisse di Sole, quasi totale, per due periodi di poche decine di secondi.
 

OSSERVAZIONE DELL’ECLISSE PARZIALE DI SOLE
SPE.S. - SPECOLA SEGUSINA
SUSA (TO) - CASTELLO DELLA CONTESSA ADELAIDE
20 MARZO 2015 - ORE 9:15-12:00

Se le condizioni meteorologiche lo permetteranno, osserveremo l’eclisse parziale di Sole del 20 marzo 2015 da SPE.S. - Specola Segusina al Castello della Contessa Adelaide (ingresso da Via Impero Romano, 2). L’Osservatorio sarà aperto dalle ore 9:15 alle 12:00.
 

VIA LATTEA ONDULATA
La Via Lattea potrebbe essere almeno il 50% più grande di quanto stimato fino ad ora. Lo ipotizzano scoperte recenti che rivelano una forma del disco galattico sagomata in diverse increspature concentriche.
 

MAGNETOSPHERIC MULTISCALE (MMS)
È iniziata venerdì 13 marzo alle ore 02:44 GMT, con il lancio da Cape Canaveral Air Force Station in Florida, la missione MMS (Magnetospheric Multiscale) della NASA dedicata allo studio di un fenomeno chiamato “riconnessione magnetica”
 

OCEANO SOTTERRANEO DI ACQUA SALATA SU GANIMEDE
Nel suo 25° anno di attività, il Telescopio Spaziale Hubble (HST) ha fornito la migliore prova dell’esistenza di un oceano sotterraneo di acqua salata su Ganimede, la più grande luna di Giove.
 

RIENTRATA LA SOYUZ TMA-14M DALLA ISS
ЕСТЬ ПОСАДКА! (Sono atterrati!). Questo il messaggio sullo schermo del centro di controllo “Korolev”, in Russia, nel momento in cui è giunta conferma che la Soyuz TMA-14M, con tre membri della Spedizione 42 (Alexander Samokutyaev, Elena Serova e Butch Wilmore) da 167 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), era atterrata
 

LA SONDA DAWN IN ORBITA INTORNO A CERERE
Venerdì 6 marzo 2015, alle 12:39 GMT (le 13:39 CET, ora italiana), la sonda spaziale Dawn, dopo un viaggio di 4.9 miliardi di chilometri durato 7.5 anni, è entrata in orbita intorno a Cerere, ad una distanza di circa 61.000 km e dal lato oscuro
 

GIORNATA INTERNAZIONALE DEI PLANETARI
NELL’ANNO INTERNAZIONALE DELLA LUCE
“IL SOLE: LUCE E OMBRA”
PLANETARIO DI CHIUSA DI SAN MICHELE (TO)
DOMENICA 15 MARZO 2015, ORE 17:30

La nostra Associazione aderisce alla Giornata Internazionale dei Planetari, iniziativa che dal 1995 (dal 1991 in Italia) ha luogo in contemporanea nei planetari di diversi Paesi nella domenica precedente o seguente l’equinozio di primavera.
 

MARTE: IL PIANETA CHE HA PERSO UN INTERO OCEANO D'ACQUA
Dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) riprendiamo il Comunicato stampa del 5 marzo 2015.
Un oceano primitivo su Marte, con più acqua del Mar Glaciale Artico sulla Terra, che copriva una frazione della superficie del pianeta rosso maggiore di quella del nostro Oceano Atlantico

 

IMMAGINE MULTIPLA DI SUPERNOVA
A OLTRE NOVE MILIARDI DI ANNI LUCE DA NOI

Riprendiamo, con autorizzazione, il seguente Comunicato stampa INAF del 5 marzo 2015.
È la prima immagine multipla di una lontana supernova, distante oltre nove miliardi di anni luce da noi. Una sorta di ‘miraggio cosmico’ prodotto da una galassia ellittica e dall’ammasso di galassie in cui si trova

 

COMETA C/2015 D1 (SOHO)
Sulla Nova n. 781 del 21 febbraio scorso avevamo riportato la notizia, tratta dal sito Spaceweather.com, di un insolito transito radente al Sole di una cometa, SOHO-2875 (la 2875ª cometa scoperta da SOHO), chiamata poi ufficialmente, dal 24 febbraio, C/2015 D1 (SOHO).
 

20 MARZO 2015: ECLISSE DI SOLE
Il 20 marzo 2015 si verificherà un’eclisse di Sole, parziale in Italia. Sarà visibile come totale soltanto dalle Isole Faroe nell’Oceano Atlantico e dalle Isole Svalbard nell’Oceano Artico. La grandezza dell’eclisse sarà 1.045 e la durata massima della fase di totalità sarà di 2m e 47s.
 

NELLE PROFONDITÀ DELL'UNIVERSO
Dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) riprendiamo il Comunicato stampa del 26 febbraio 2015. Lo strumento MUSE montato sul telescopio VLT (Very Large Telescope) dell'ESO ha fornito agli astronomi la miglior veduta tridimensionale di sempre dell'Universo profondo.
 

AGGIORNAMENTI SUI BUCHI NERI
Sulla rivista “LE STELLE” (anno IX, n. 140, marzo 2015), attualmente in edicola, è pubblicata una interessante intervista con Alessando Capetti, Direttore dell’Osservatorio Astrofisico di Torino, esperto di galassie con nucleo attivo
 

FENOMENI MUTUI DEI SATELLITI MEDICEI DI GIOVE
NEI MESI DI MARZO E APRILE 2015

Dall’Almanacco UAI 2015 (Unione Astrofili Italiani, http://www.uai.it/pubblicazioni/almanacco.html) riportiamo, a pagina seguente, parte della tabella di pag. 80 e 81, selezionando, tra i fenomeni mutui dei satelliti medicei di Giove (v. Nova n. 766 del 26 gennaio 2015), gli eventi del mese di marzo e aprile più accessibili nelle ore serali.
 

UN SOTTOMARINO PER I MARI DI TITANO
Durante il Simposio della NASA “Innovative Advanced Concepts 2015”, tenutosi a Cocoa Beach, in Florida (USA), dal 27 al 29 gennaio scorso, è stato presentato un progetto per l’esplorazione dei mari di Titano con un sottomarino robotico.
 

INSOLITA COMETA PRESSO IL SOLE
Una nuova cometa è transitata "follemente vicina" al Sole il 19 febbraio, ripresa dal Solar and Heliospheric Observatory (SOHO). Il sito Spaceweather.com [1] di oggi, 21 febbraio, scrive che “a prima vista sembrava essere un oggetto piccolo, non molto più grande di una cometa-masso"
 

SUPERVENTI GALATTICI
Da MEDIA INAF del 19 febbraio 2015 riprendiamo, con autorizzazione, un articolo di Marco Galliani su un lavoro, pubblicato su Science, di un team internazionale di astronomi che “ha studiato le proprietà del poderoso vento emesso dal buco nero supermassivo al centro di una galassia
 

STELLA DI SCHOLZ
Da MEDIA INAF del 18 febbraio 2015 riprendiamo, con autorizzazione, un articolo di Stefano Parisini su una piccola stella che 70.000 anni fa sarebbe transitata nella parte esterna della Nube di Oort, sarebbe transitata nella parte esterna della Nube di Oort, agli estremi confini del sistema solare.
 

IMMAGINE RAVVICINATA
DELLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO
Il 14 febbraio 2015, alle 12:41 GMT, la sonda Rosetta si è avvicinata a soli 6 km dalla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, sorvolando una regione conosciuta come Imhotep, sul maggiore dei due lobi della cometa.

 

VEDERE, GUARDARE
In occasione dell’Anno Internazionale della Luce, Piero Bianucci ha pubblicato un nuovo libro: “Vedere, guardare. Dal microscopio alle stelle, viaggio attraverso la luce” (UTET, gennaio 2015, pagine 384, € 15,00).
 

ANCORA SULLA COMETA C/2014 Q2 (LOVEJOY)
La cometa C/2014 Q2 (Lovejoy), di cui abbiamo parlato sulla Nova n. 755 del 21 dicembre 2014, è ancora ben osservabile con un binocolo o un piccolo telescopio la sera, essendo poco sopra la 5ª magnitudine nella costellazione di Andromeda
 

PRIME FASI DELLA FORMAZIONE STELLARE
Da MEDIA INAF dell’11 febbraio 2015 riprendiamo, con autorizzazione, un articolo di Eleonora Ferroni, intitolato “Stelle in incubazione nel gas”
 

LANCIATO IL DSCOVR (DEEP SPACE CLIMATE OBSERVATORY)
Alle 0:03 (ora italiana) del 12 febbraio 2015 è stato lanciato da Cape Canaveral il DSCOVR (Deep Space Climate Observatory), per la sorveglianza delle tempeste geomagnetiche (v. Nova n. 764 del 21 gennaio 2015). Riprendiamo alcune immagini da NASA TV.
 

PRIMO TEST DI VOLO PER IXV DELL’ESA
L’11 febbraio 2015, alle ore 13:40 GMT, con un razzo Vega VV04, è stato lanciato l’Intermediate eXperimental Vehicle (IXV) dallo spazioporto di Kourou, nella Guiana francese. Il volo, seguito dal Centro di controllo ALTEC di Torino, è durato 102 minuti.
 

ASSOCIAZIONE STELLARE
DESTINATA A FINIRE IN CATASTROFE

Dal sito dell’ESO (European Southern Observatory) del 9 febbraio 2015 riprendiamo il Comunicato stampa sulla “prima coppia di stelle in interazione destinate a diventare supernova”.
 

PIANETI NANI IN VISTA
La NASA ha rilasciato due immagini di pianeti nani ripresi da due sonde in volo verso di essi.

GIOVE IN OPPOSIZIONE
E FENOMENI MUTUI DEI SATELLITI MEDICEI

Il 6 febbraio 2015 alle ore 17 (TU) Giove sarà in opposizione, e per tutto il mese sarà nelle migliori condizioni osservative, visibile per tutta la notte e anche alto in cielo (64° sull’orizzonte). Giove sarà a 650 milioni di km dalla Terra, con una magnitudine di -2.6 e un diametro apparente di 45”.
 

KEPLER-444
Utilizzando dati ottenuti dal telescopio spaziale Kepler, un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto il più antico sistema planetario noto nella galassia: un sistema di cinque pianeti rocciosi, tutti più piccoli della Terra, ma con un’età di 11 miliardi di anni.
 

J1407b: ESOPIANETA CON GIGANTESCO SISTEMA DI ANELLI
A 560 anni luce da noi è stato scoperto nel 2012 un pianeta extrasolare (o forse una nana bruna) con un gigantesco sistema di anelli, esteso fino a un diametro di 120 milioni di chilometri. Un nuovo studio fornisce nuovi elementi ed interpretazioni.
 

OSSERVAZIONI RADAR DELL’ASTEROIDE 2004 BL86
Gli scienziati della NASA hanno rilasciato le prime immagini radar ottenute con l’antenna di Goldstone, in California, dell'asteroide 2004 BL86, in transito ieri a 1.2 milioni di kilometri dalla Terra (v. Nova n. 765 del 22 gennaio 2015).
 

PRIMI DATI SULLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

L'ultimo numero della rivista Science (vol. 347, n. 6220 del 23 gennaio 2015) dedica vari articoli ai primi risultati ottenuti dalle misurazioni effettuate dagli strumenti scientifici della sonda Rosetta sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko a partire dall'agosto dello scorso anno.
 

RIUNIONI NEL 2015
Ecco il calendario delle riunioni previste nel 2015 presso la Sede sociale, al Castello della Contessa Adelaide, in Susa (con ingresso da Via Impero Romano, 2) alle ore 21:15.
 

ASTEROIDE 2004 BL86
Lunedì 26 gennaio l'asteroide 2004 BL86 transiterà a una distanza di circa 1.2 milioni di kilometri dalla Terra, circa tre volte la distanza Terra-Luna. Secondo gli scienziati della NASA sarà il suo massimo avvicinamento alla Terra nei prossimi 200 anni
 

DSCOVR (DEEP SPACE CLIMATE OBSERVATORY)
Riprendiamo, con autorizzazione, da MEDIA INAF del 12 gennaio 2015 un articolo di Stefano Parisini sulla “nuova missione statunitense DSCOVR, Deep Space Climate Observatory, per la sorveglianza delle tempeste geomagnetiche. Invierà un allarme tra 15 e 60 minuti prima che un’onda anomala di vento solare colpisca la Terra
 

PILOTI SPAZIALI
Dal sito internet de LA STAMPA del 19 gennaio 2015 riprendiamo un articolo di Piero Bianucci, intitolato “Così si pilota un fuoristrada su Marte”.

Nel parcheggiare l’auto ci capita magari di modificare brutalmente l’aerodinamica di un parafango. In compenso, noi italiani siamo bravi a pilotare nello spazio.

 

CERIMONIA INAUGURALE DELL’ANNO DELLA LUCE
Si apre oggi e domani a Parigi, ufficialmente, l’Anno Internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla Luce (v. Circolare interna AAS n.172, aprile 2014, p. 1). L’inaugurazione nazionale dell’Anno della Luce si terrà a Torino il 26 gennaio 2015.
 

RITROVATO DOPO 11 ANNI IL BEAGLE 2 MARS LANDER

Il Beagle 2 Mars Lander, costruito dal Regno Unito, è stato ripreso il 15 dicembre 2014 dalla fotocamera High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) del Mars Reconnaissance Orbiter, ponendo fine al mistero di ciò che è accaduto alla missione più di un decennio fa.
 

CONGIUNZIONE MARTE - NETTUNO
La sera del 19 gennaio 2015, appena dopo il tramonto del Sole, potremo osservare con binocoli o piccoli telescopi il pianeta Nettuno, di magnitudine 7.8, a 18’ da Marte, di magnitudine 1.2.
 

VERA COOPER RUBIN (1928-2016)
La sera di domenica 25 dicembre 2016 è morta Vera Cooper Rubin, astronoma statunitense che, studiando le curve di rotazione delle galassie, dimostrò negli anni ’70 l’esistenza della materia oscura, ipotizzata da Fritz Zwicky (1898-1974). Aveva 88 anni. Ecco come la ricorda Eleonora Ferroni su MEDIA INAF di oggi.

Powered by Phoca Download